Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up
Nella foto, da destra, la presidente Uici di Ascoli e Fermo, Gigliola Chiappini e il segretario territoriale, Margherita Anselmi, ci sorridono e hanno in mano un uovo di Pasqua. Altre uova sono sistemate sul tavolo in primo piano. Margherita è in piedi. Gigliola è appoggiata al tavolo. Le uova di cioccolato sono avvolte in confezioni verde pastello e rosa salmone. In evidenza, su ogni confezione, il logo dell'Uici.

“Guarda che buono!” Le uova solidali dell’Uici di Ascoli e Fermo compiono 10 anni

Al via la vendita dei dolci pasquali: il ricavato sarà destinato al finanziamento dei progetti rivolti ai bambini e agli adulti con disabilità visiva. La presidente Uici di Ascoli Piceno e Fermo, Gigliola Chiappini: “Ci emoziona sempre di più la vicinanza dei nostri sostenitori”.

Federica, una delle ragazze che sta svolgendo il tirocinio di inclusione sociale posa sdraiata a terra e circondata da uova di Pasqua avvolte in confezioni colorate di verde e di rosa

Doppia festa per la Pasqua 2021 all’Unione ciechi e ipovedenti di Ascoli Piceno e Fermo. Un carico di uova solidali è pronto a partire e a finanziare, con il ricavato della vendita, i progetti rivolti ai bambini e agli adulti con disabilità visiva.

Il progetto compie 10 anni, quest’anno si chiama “Guarda che buono!” e consentirà la vendita di uova pasquali di cioccolato al latte o fondente da 400 grammi. Prodotte dalla storica azienda Giammarini, le uova possono essere ordinate direttamente all’Uici, telefonando al numero 0736.250133, scrivendo una mail all’indirizzo [email protected], o recandosi in sede, in Via Copernico, 8 ad Ascoli Piceno. Sono disponibili consegna in sede e consegna a domicilio.

La raccolta fondi è pensata per sostenere i progetti dell’Officina dei Sensi, la struttura che ospita l’Unione ciechi e ipovedenti, centro d’eccellenza per la riabilitazione.

“La vicinanza che esprimono sempre le persone che ci sostengono, ogni volta ci emoziona – commenta la presidente Uici di Ascoli Piceno e Fermo, Gigliola Chiappini -. Ricordo un’edizione in cui sono state acquistate oltre mille uova, altre in cui ne abbiamo vendute più di 600. Lo scorso anno, nonostante la chiusura improvvisa causata dal lockdown siamo riusciti a portare a termine i 300 ordini ricevuti e, in un periodo in cui era impossibile anche uscire di casa, l’Uici è stata in grado di consegnare tutte le uova. Sarà che è cioccolato, sarà che contribuisce a migliorare la qualità della vita di tanti nostri soci, questo progetto ci coinvolge sempre molto e ci regala la sensazione di aver fatto qualcosa di bello. E di buono!”.

Ascoli Piceno, 24 febbraio 2021